Idee regalo Natale... vai allo shop.

Viaggiare a Lisbona con i bimbi!

60674163_352636925388900_1749028523948900352_n

Lisbona è una città piena di storia, monumenti, musei e si sviluppa in altezza, sembra non sia adatta ai bambini.

Mio fratello che lavora li da 6 mesi non mi aveva consigliato la sua visita con i bimbi, ma la città piena di collegamenti, taxi a basso costo e i miei bimbi che hanno camminato tantissimo e assaggiato nuovi sapori lo hanno smentito!

Non sarà la classica vacanza al mare o al parco di divertimenti, ma credo lasci molto di più anche ai piccoli visitatori!

Prima di tutto abbiamo pernottato in un appartamento, centrale e comodo, in piazza São Paulo.

La zona era molto bella vicinissima ad una stradina tinteggiata di rosa, fiancheggiata da locali e discoteche.

La rua cor de rosa è chiamata anche “Pink street”, ha una storia molto importante e citata anche nel New York Times come una delle strade più divertenti e belle!

'Rua cor de rosa'

Il proprietario ci ha accolto con frutta fresca e fiori, poi ci ha dato tante indicazioni con cartine opuscoli. l’appartamento era fornito di tre camere, con culla da campeggio e passeggino.

Una delle prime cose che abbiamo visto è stata la zona Oriente con il suo Oceanario, il lungo fiume tago, i palazzi moderni e la funivia. 

Poi abbiamo fatto un giro turistico in tram 28 un mezzo antico che collega le zone basse dalle zone alte in modo comodo e rilassato. Questo ci ha permesso di vedere la città seduti comodamente e pianificare alcune escursioni dei giorni successivi.

E’un simbolo della città lo si trova sotto forma di statuina, calamita e su shopper e tovaglioli, ovunque.

Una delle uscite fuori porta da non perdere è stata la fantastica città di Sintra con i suoi palazzi e tenute.

La prima tappa è stata il Palacio National de la Pena, dove convivono stili diversi: arabo, rinascimentale, gotico, manuelino e barocco. Poi siamo andati alla tenuta di Quinta da Regailera, altrettanto fantasiosa e piena di sorprese, pozzi e tunnel sotterranei, torri, scale e giardini!

 

La sera invece abbiamo raggiunto i vari Miradouro “punti più alti”, poi attraversato dall’alto verso il basso tantissimi vicoletti e abbiamo ammirato murales, scorci con vista mare, locali dai quali si ascolta la musica tipica” il fado”, piccoli banchetti di signore che vendono liquore e amarene… si attraversa la zona di Alfama caratteristica e il cuore della città.

 

Altra bellissima zona è Belem con la sua torre, il Monastero dos Jeronimos e il Padrão dos Descobrimentos ovvero il Monumento alle scoperte situato sulla riva del fiume Tago. 

Pasteis de nata

I piatti tipici sono una delle cose che mi piace scoprire di un posto, a Lisbona sono tantissime le Pastellerie , i dolci tipici sono le" pasteis de nata ", l'impasto assomiglia alle nostre sfogliatelle e la crema è una pasticcera poi vengono cosparse a piacimento di cannella; quelle di Belem prese nella regina delle pasticcerie sono più croccanti, quelle invece in giro per Lisbona meno con sfoglia più sottile. Altri dolci a base di uova e zucchero mi son piaciuti meno , ma è un mio gusto, comunque sono da provare.

Mercado do Ribeira

Il bacalao a Lisbona è cucinato arrostito, su salse, su contorni, a mo’ di frittella…l’abbiamo mangiato in vari tipi.

Abbiamo mangiato in ristoranti vari, al Mc Donald’s, ai fast food di Centri Commerciali, al Marlena del Mercato do Ribeira.

Lisboa è linda.

 

L’unico ristorante che vale la pena di menzionare e consigliare era sotto casa e l’abbiamo scoperto l’ultima sera, ovvero il Lisboa è linda  fb page!

Abbiamo assaggiato le frittelle di Baccalà , divorate dai bimbi (mi son imposta di riprodurre), poi baccalà arrostito(superbo), vitello(ottimo), risotto al nero di seppia(divino) maiale (tenerissimo) dolci top … le foto parlano da sole…

Ci son tante cose che non abbiamo visto a Lisbona c’è tanto da vedere, cinque giorni sono pochi, i bimbi rallentano ed eravamo in tanti, abbiamo accontentato tutti… Se avete curiosità , dovete partire e volete ulteriori info non esitate a contattarmi! 

Di seguito l’Elevator di San Justa, e tante foto belle…alcune di Feliçia Crescenzi.

Condividi

Share on facebook
Facebook

Articoli Precedenti

Archivi